#31
RE: Realizzazione waterblock a peltier
grazie a tutti, per l'esito finale non dipende da me ma dal tempo di un mio amico che mi deve fresare il policarbonato.... intanto vi terrò impegnati con i miei disegni
#32
RE: Realizzazione waterblock a peltier
da amante delle peltier è inutile che ti dico che stai facendo una cosa davvero molto interessante, però va considerato che questo tipo di raffreddamento è un pò troppo scomodo e dispendioso... Blush

per prima cosa devi considerare che i watt della cella devono essere più di quelli del componente da raffreddare, quindi per l'utilizzo su una cpu mediamente overcloccata direi che serve per lo meno una 226w o una 245w (o maggiori)...

la somma del calore generato da CPU+TEC deve essere dissipato interamente dall'impianto a liquido, con la conseguenza che sarà molto difficoltoso mantenere nella norma la temperatura del liquido di raffreddamento (con conseguente perdita di prestazioni visto che "raffredderai" di meno il lato caldo della peltier), inoltre sarebbe consigliabile alimentare la cella con un'alimentatore dedicato di ottima qualità (altrimenti dura poco)...

dopo questa breve parentesi volevo dirti cosa non mi convince del tuo progetto...

sostanzialmente, immergendo la TEC direttamente nel liquido, al di là del rischio che ci potrebbe essere qualora la guarnizione non tenga alla perfezione, non riusciresti a garantire una pressione di contatto sufficiente per far lavorare in maniera ottimale la cella, perdendo un sacco in termini di prestazioni.... Sad

La cella per lavorare bene deve essere ben "impacchettata", con vari Kg di spinta, (facendo una sorta di panino) tra il dissipatore/waterblock che si occuperà di tenere a bada il lato caldo, e un coldplate (non troppo sottile altrimenti si piega) che finirà a contatto diretto con il lato freddo e con il componente da raffreddare.

Per migliorare il contatto tra la superficie della cella lato freddo/caldo e la base del waterblock/coldplate devi applicare della pasta termica.

Il buon contatto è fondamentale per far lavorare bene la cella, altrimenti perdi prestazioni e rischi di danneggiarla se non riesci a smaltire efficientemente il calore dal lato caldo...
Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-10-2013, 11:35 AM da delly.
#33
RE: Realizzazione waterblock a peltier
già ho pensato a tutti gli accorgimenti da te elencati:
la peltier non la ho ancora comprata perché devo fare un po' di calcoli per il wattaggio;
per la guarnizione mi ritengo ormai un esperto Smile;
la pasta termica so già che e necessaria tra peltier e la placca in rame;
per quanto riguarda la pressione non è un problema perché si vedrà quando avrò tutti i pezzi, e se non è abbastanza basta scartavetrare il bordo superiore del pezzo di policarbonato;
smaltire il calore... ho pur sempre un chiller!!! Smile

calore da smaltire esempio (dati random):

Legenda
Ta =temp ambiente 30gradi
P =watt peltier 70w
cpuw =cpu watt 43w
C/W =resistenza termica acqua 0.7 C/W
t1 = temp in gradi da dissipare


Faccia calda



T1 = Ta + (C/W)*(P + Cpuw)
T1 = 30C + 79.1C = 109.1C.


Dimmi se sbaglio qualcosa...
Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-10-2013, 12:49 PM da Zazà.
#34
RE: Realizzazione waterblock a peltier
resto dell'idea che non basta, anche perchè se ho capito bene la forza l'applicheresti solamente lungo i bordi e non su tutta la superficie della cella (anche perchè altrimenti non avresti il contatto diretto con il liquido come intendi fare tu)...

inoltre la porzione di "lato caldo" a contatto con il plexy (allo scopo di fare pressione) chi la raffredda? corri il rischio di danneggiare irreparabilmente la cella così...

l'ideale è proprio il "panino" coldplate+tec+wb, proprio per pressare per bene tutta la cella in modo uniforme e dissipare uniformemente il lato caldo... Smile

sul calore da smaltire/wattaggio TEC dipende tutto dal componente che vuoi raffreddare, per l'uso su cpu odierne mediamente overcloccate, io non andrei sotto i 226w/245w per quanto riguarda la cella, che sommati al procio rappresentano un carico molto consistente sulle spalle del chiller...
Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-10-2013, 01:38 PM da delly.
#35
RE: Realizzazione waterblock a peltier
il bordino e 3mm largo, le celle peltier hanno il cuore a 2mm di distanza dal bordo quindi non penso che togliendo 1 mm di dissipazione utile tutto in torno alla cella si danneggia..
per la peltier non volevo scendere sotto i 300w...

per quanto riguarda il chiller con 220w di carico riesce a tenere l'acqua a 4gradi
#36
RE: Realizzazione waterblock a peltier
[Immagine: 7udm.jpg]
li dove vedete la freccia è la delimitazione del bordino ce un errore (causato dalle dimensione reali di ogni pezzo) nel senso che la guarnizione dovrebbe poggiare nel bordino ma siccome deve essere più spessa per essere schiacciata e non perdere, mi va in penetrazione poligonale con il blocco...

[Immagine: kvvp.jpg]
Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-10-2013, 02:12 PM da Zazà.
#37
RE: Realizzazione waterblock a peltier
da quegli schemi si vede chiaramente che la forza l'applicheresti solamente lungo i bordi, quindi al centro non c'è nulla che fa premere per bene la cella contro la base del waterblock, così facendo perderai un sacco di efficienza... Sad
Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-10-2013, 02:25 PM da delly.
#38
RE: Realizzazione waterblock a peltier
potrei mettere una croce in rame nella parte centrale... che ne pensi?
Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-10-2013, 02:40 PM da Zazà.