Hardware Mind il Blog https://www.hwmind.it/blog Anteprime, news, articoli, recensioni dal mondo informatico www.hwmind.it Fri, 21 Feb 2020 15:46:11 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.3.2 https://www.hwmind.it/blog/wp-content/uploads/2019/07/cropped-favicon-32x32.png Hardware Mind il Blog https://www.hwmind.it/blog 32 32 Razer Phone e dispositivi Mobile sono ora compatibili con Google Stadia https://www.hwmind.it/blog/razer-phone-e-dispositivi-mobile-sono-ora-compatibili-con-google-stadia/ https://www.hwmind.it/blog/razer-phone-e-dispositivi-mobile-sono-ora-compatibili-con-google-stadia/#respond Fri, 21 Feb 2020 15:46:11 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15414 A seguito del post di Stadia del 18 febbraio relativo all’ampliamento del supporto di nuovi dispositivi Android, Razer annuncia che in virtù della nuova compatibilità dei controller sulla piattaforma di streaming, gli utenti possono ora giocare ai videogame su Stadia, utilizzando prodotti Razer quali Junglecat, Raiju Mobile e il nuovo Kishi.                         Razer Phone e …

L'articolo Razer Phone e dispositivi Mobile sono ora compatibili con Google Stadia sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
A seguito del post di Stadia del 18 febbraio relativo all’ampliamento del supporto di nuovi dispositivi Android, Razer annuncia che in virtù della nuova compatibilità dei controller sulla piattaforma di streaming, gli utenti possono ora giocare ai videogame su Stadia, utilizzando prodotti Razer quali Junglecat, Raiju Mobile e il nuovo Kishi.

                        Razer Phone e Razer Phone 2

Lo smartphone gaming originale e il suo successore, il Razer Phone 2, con display da 120Hz, doppio speaker Dolby Atmos e batteria da 4,000mAh sono l’ideale per i mobile gamer.

Per maggiori informazioni su Razer Phone 2, visitare www2.razer.com/eu-en/mobile/razer-phone-2.

                        Razer Raiju Mobile, Junglecat e Kishi per Android e iOS

Anche il controller mobile universale Razer Kishi per Android annunciato all’inizio dell’anno, così come il Raiju Mobile e il Junglecat connesso via Bluetooth sono compatibili con Stadia, per potenziare il gameplay con controlli in stile console.

Per maggiori informazioni sui nuovi controller mobile visitare www.razer.com/mobile.

Razer Cortex Mobile

L’app launcher Razer Cortex Mobile è stato aggiornato il 7 febbraio per includere un nuovo Analyzer che in Gaming Mode mostrerà i Frame Per Second nel tab dedicato durante il gameplay su app native.

Per maggiori informazioni sugli aggiornamenti di Razer Cortex Mobile, visitare www.razer.com/cortex/mobile.

QUANDO:       Con effetto immediato

DOVE:             Gli accessori e i dispositivi mobile di Razer sono disponibili su Razer.com e presso rivenditori autorizzati. Google Stadia è disponibile su Stadia.google.com e tramite l’app Google Stadia su Google Play.

PREZZO:          Razer Kishi for Android                    TBD

Razer Junglecat                                €119.99

Razer Raiju Mobile                           €149.99

ASSET:             Disponibili qui http://rzr.to/razer-mobile-gaming.

L'articolo Razer Phone e dispositivi Mobile sono ora compatibili con Google Stadia sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/razer-phone-e-dispositivi-mobile-sono-ora-compatibili-con-google-stadia/feed/ 0
Check Point Software: Google Play Store non è sicuro https://www.hwmind.it/blog/check-point-software-google-play-store-non-e-sicuro/ https://www.hwmind.it/blog/check-point-software-google-play-store-non-e-sicuro/#respond Fri, 21 Feb 2020 12:25:14 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15410 Negli ultimi anni Google ha svolto un’intensa attività per migliorare la sicurezza del suo app store Google Play. Perché? Perché milioni di utenti hanno inavvertitamente scaricato migliaia di app dannose dallo store che hanno compromesso i loro dati, tra cui SMS, credenziali, foto, calendari, appuntamenti ed e-mail. Ad esempio, nel marzo 2019, l’adware “SimBad” è …

L'articolo Check Point Software: Google Play Store non è sicuro sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
Negli ultimi anni Google ha svolto un’intensa attività per migliorare la sicurezza del suo app store Google Play. Perché? Perché milioni di utenti hanno inavvertitamente scaricato migliaia di app dannose dallo store che hanno compromesso i loro dati, tra cui SMS, credenziali, foto, calendari, appuntamenti ed e-mail. Ad esempio, nel marzo 2019, l’adware “SimBad” è stato trovato in oltre 200 app sullo store, con un conteggio di download combinato di quasi 150 milioni.

Dalla costituzione formale dell’alleanza, sono state effettuate oltre 5,2 milioni di installazioni di app dannose, che hanno riguardato decine di campagne di quattro diversi tipi di malware. Queste famiglie di malware hanno una serie di capacità: dalla possibilità di rubare tutte le informazioni dal dispositivo, alla possibilità di prenderne il controllo facendo apparire pubblicità o sovrapposizione di finestre come una forma di attacco phishing. Queste applicazioni utilizzano anche una varietà di tecniche per evitare il rilevamento da parte dei team di sicurezza dell’alleanza, tra cui l’offuscamento del codice e il download ritardato di payload dannosi.

Una di queste campagne è stata scoperta dai ricercatori di Check Point Software. La famiglia di malware Haken è stata installata su oltre 50.000 dispositivi Android da otto diverse applicazioni dannose mascherate da utility per la fotocamera e giochi per bambini, tutti apparentemente innocui.

Il malware è classificato come “clicker” per la sua capacità di prendere il controllo del dispositivo dell’utente e di cliccare su qualsiasi cosa possa apparire sullo schermo. È importante notare che il malware può accedere a qualsiasi tipo di dati, quindi tutto ciò che è visibile sullo schermo è un potenziale bersaglio (ad esempio e-mail di lavoro), così come qualsiasi dato memorizzato localmente (come conversazioni di lavoro su un’applicazione di messaggistica).

L’impatto sugli utenti è duplice: il malware può attivare servizi in abbonamento premium senza che l’utente se ne renda conto, facendo guadagnare denaro illegalmente alle persone che stanno dietro l’app, e può estrarre dati sensibili direttamente dal dispositivo. La buona notizia è che queste app corrotte sono state tutte rimosse da Google Play.

Tuttavia, ciò evidenzia che, nonostante i continui sforzi per proteggere il Google Play Store dalle app dannose, eliminare completamente il rischio che gli utenti scarichino un’app pericolosa dallo store non avverrà in tempi brevi. Ci sono quasi 3 milioni di app disponibili in Play Store, con centinaia di nuove app caricate ogni giorno – il che rende difficile controllare che ognuan di esse sia sicura.

Alcuni sviluppatori di app hanno escogitato metodi ingegnosi per nascondere il vero intento delle loro app all’esame di Google. Insieme a un ecosistema Android frammentato, in cui un gran numero di produttori di dispositivi offre raramente aggiornamenti strategici del sistema operativo, gli utenti non possono contare solo sulle misure di sicurezza di Google Play per garantire la protezione dei loro dispositivi.

È necessario implementare un software di sicurezza per scongiurare malware e altre minacce e proteggere i dati aziendali e personali su questi dispositivi. La soluzione di sicurezza deve veramente comprendere i comportamenti dannosi, il che significa che deve utilizzare numerose tecniche avanzate che vanno oltre le semplici firme o l’apprendimento automatico basato su indicatori statici.

Se si sospetta che il proprio dispositivo sia stato infettato da una di queste app, ecco i passaggi da seguire:

  1. Disinstallare l’app infetta dal proprio dispositivo
  2. Controllare le fatture del cellulare e della carta di credito per verificare se si sia stati registrati per eventuali abbonamenti e, se possibile, cancellarli.
  3. Installare una soluzione di sicurezza per prevenire futuri attacchi

L'articolo Check Point Software: Google Play Store non è sicuro sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/check-point-software-google-play-store-non-e-sicuro/feed/ 0
Apacer annuncia nuove partnership all’Embedded World 2020 https://www.hwmind.it/blog/apacer-annuncia-nuove-partnership-allembedded-world-2020/ https://www.hwmind.it/blog/apacer-annuncia-nuove-partnership-allembedded-world-2020/#respond Thu, 20 Feb 2020 17:38:41 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15405 Apacer, leader mondiale nelle soluzioni di archiviazione dati a livello industriale e nelle memorie, parteciperà nuovamente alla fiera Embedded World a Norimberga, in Germania. Quale risposta alle tendenze dei settori dell’Internet of Things (IoT) e dell’Industry 4.0, l’azienda ha stretto alleanze con i leader dell’IoT industriale. Apacer si impegna a fornire servizi end-to-cloud completi e …

L'articolo Apacer annuncia nuove partnership all’Embedded World 2020 sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
Apacer, leader mondiale nelle soluzioni di archiviazione dati a livello industriale e nelle memorie, parteciperà nuovamente alla fiera Embedded World a Norimberga, in Germania. Quale risposta alle tendenze dei settori dell’Internet of Things (IoT) e dell’Industry 4.0, l’azienda ha stretto alleanze con i leader dell’IoT industriale. Apacer si impegna a fornire servizi end-to-cloud completi e a semplificare il processo di integrazione. Quando l’archiviazione dei dati, la trasmissione e il controllo del sistema sono più stabili, le aziende possono migliorare la propria efficienza operativa e rafforzare i propri vantaggi competitivi fondamentali.

Partnership importanti per servizi cloud

Tra i partner della società figurano Advantech, azienda che ha sviluppato il software WISE-PaaS/DeviceOn per la gestione remota dei dispositivi (RDM) e Allxon, creatore del sistema Allxon Device Management. Per supportarli nella loro crescita, Apacer ha creato l’SSD IoT per il cloud industriale SV250 e il plug-in di monitoraggio Cloud Edition. DBS Cloud Edition consente agli utenti di visualizzare facilmente informazioni in tempo reale direttamente sulla Dashboard e di eseguire la gestione remota dei dispositivi. Il centro di monitoraggio intelligente è in grado di osservare in tempo reale lo stato di qualsiasi SSD Apacer collegato, fornendo informazioni come la durata residua della vita, la temperatura operativa e quella d’ambiente. Integra anche una funzione di avviso che può avvisare gli ingegneri quando si verifica un’anomalia, utilizzando un’app, e-mail o SMS. Questa soluzione vanta elevata scalabilità e flessibilità e supporta varie piattaforme di servizi cloud, tra cui AWS, Microsoft Azure e Google.

Annuncio di tecnologia innovativa

In occasione di Embedded World 2020, Apacer presenterà anche SSD PCIe 3D NAND dotati della tecnologia di raffreddamento CoreGlacier ™, progettati per mantenere basse le temperature dei chip NAND Flash e garantire che i dati siano completamente protetti. Apacer offre anche una varietà di soluzioni di archiviazione ad alte prestazioni, come quelle basate su tecnologia 3D NAND SLC-liteX che offrono fino a 30.000 cicli di scrittura/cancellazione, schede di memoria di livello industriale e una gamma completa di memorie DDR4-2933 / 3200, basate su chip DRAM di qualità. Queste ultime sono ideali per piattaforme server di fascia alta basate sul Cascade Lake di Intel e sulla Rome di AMD.

SSD per i veicoli

Spinti dall’ondata globale di soluzioni AIoT, le applicazioni di controllo industriale stanno diventando sempre più diversificate. Apacer sta espandendo la propria attività nel settore delle applicazioni automobilistiche e presenterà soluzioni di archiviazione industriali microSD sviluppate per il mercato automobilistico dotate di sistemi di automonitoraggio SMART. Riportano lo stato di salute dell’SSD e grazie alla costruzione industriale tollerante al funzionamento con un ampio intervallo di temperatura (da -40 ° C a 85 ° C) possono operare in ambienti estremi. Con la tecnologia a protezione della sicurezza dei dati installata, il prodotto è adatto per i registratori di guida dei veicoli, i sistemi di infotainment del veicolo (IVI) e quelli di navigazione (GPS). Apacer è inoltre nella fase di conferma della certificazione IATF16949.

Costruire collegamenti con il cloud

Aderendo alla visione e alla missione dell’azienda, con l’archiviazione digitale come attività centrale, Apacer sviluppa soluzioni di integrazione basate sulla tecnologia per aiutare il rapido sviluppo della produzione smart. Con anni di esperienza nel settore delle soluzioni di archiviazione dei dati di tipo industriale, Apacer lavora a stretto contatto con i partner per aumentare la diversificazione dei prodotti e alimentare la nuova energia nell’evoluzione delle industrie verticali.

Informazioni sull’edizione 2020 dell’Embedded World di Norimberga

Data: dal 25/02 al 27/02, 2020
Numeri stand:

  • Padiglione 1 / Stand 1-505 (Main hall)
  • Padiglione 4 / Stand 4-639 (Co-mostra con TAITRA)

Luogo: Centro espositivo di Norimberga, Germania

L'articolo Apacer annuncia nuove partnership all’Embedded World 2020 sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/apacer-annuncia-nuove-partnership-allembedded-world-2020/feed/ 0
Disponibili le Key Series T18NC con eliminazione del rumore attivo https://www.hwmind.it/blog/disponibili-le-key-series-t18nc-con-eliminazione-del-rumore-attivo/ https://www.hwmind.it/blog/disponibili-le-key-series-t18nc-con-eliminazione-del-rumore-attivo/#respond Tue, 18 Feb 2020 17:19:22 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15395 Key Series, specialista in auricolari e cuffie, ha appena rilasciato il proprio ultimo prodotto ai vertici della categoria: gli auricolari T18NC wireless. Mantenendo fede alla propria tendenza a offrire una qualità audio senza compromessi, un sistema di cancellazione attiva del rumore e una potente funzionalità wireless, gli auricolari T18NC offrono quell’esperienza di qualità elevata che …

L'articolo Disponibili le Key Series T18NC con eliminazione del rumore attivo sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
Key Series, specialista in auricolari e cuffie, ha appena rilasciato il proprio ultimo prodotto ai vertici della categoria: gli auricolari T18NC wireless. Mantenendo fede alla propria tendenza a offrire una qualità audio senza compromessi, un sistema di cancellazione attiva del rumore e una potente funzionalità wireless, gli auricolari T18NC offrono quell’esperienza di qualità elevata che ti aspetti da un produttore di auricolari di fascia alta.

La cancellazione attiva del rumore elimina il rumore esterno

La funzionalità di cancellazione attiva del rumore ANC (Active Noise Cancellation) permette di ottenere una riduzione del rumore ambiente di -25 dB per isolare i suoni intorno a te senza compromettere la riproduzione musicale. La cancellazione del rumore analizza il suono ambientale, crea un’onda sonora inversa e la mescola con il suono degli auricolari. Ciò offre l’equilibrio ideale tra riduzione del rumore ambientale e prestazioni audio.

Il diaframma in titanio da 13 mm offre un suono premium

Gli aurocolari T18NC, come parte della serie Key, generano un suono di qualità hi-fi grazie al diaframma in titanio da 13 mm ed emettono un suono estremamente preciso con una chiarezza superiore. La qualità finale è incredibilmente vicina all’essere lì di persona. Offrono un suono puro con una gamma dinamica che si mantiene nell’intervallo di frequenza da 20Hz a 20KHz.

Durata della batteria estesa per un più lungo utilizzo nel tempo

Gli utenti possono ottenere fino a 7 ore di conversazione e musica con una singola carica (4-5 ore consecutive di riproduzione ad alto volume). Inserendo gli auricolari nella custodia di ricarica, il tempo di riproduzione totale viene aumentato di 24 ore, il che può essere molto utile per voli o viaggi a lungo raggio. Inoltre, se si è vicini a una presa a muro, è possibile caricare facilmente gli auricolari in modalità wireless direttamente dalla custodia.

Comandi audio a portata di mano con un solo tocco

L’uso degli auricolari T18NC è semplice grazie ai controlli touch integrati che ti danno la possibilità di toccare gli auricolari per riprodurre / mettere in pausa la musica o rispondere / rifiutare le chiamate e passare da una traccia all’altra. In modo altrettanto semplice e intuitivo è possibile abilitare la cancellazione attiva del rumore con un doppio tocco, oppure toccando e tenendo premuto il pannello su entrambi gli auricolari per 1 secondo.

Il sistema di riduzione del rumore a doppio microfono semplifica la rimozione delle interferenze esterne

Questi piccoli auricolari si adattano perfettamente alle tue orecchie e la presenza della tecnologia di riduzione del rumore a doppio microfono migliora la riduzione del rumore del vento, limitando il rumore di fondo per garantire una comunicazione impeccabile e chiamate di qualità vocale eccezionalmente chiare. La funzionalità a doppio microfono rende la tua voce è chiara e offre una qualità audio superiore. L’utilizzo di processori audio leader della categoria è direttamente responsabile della elevata qualità audio finale: indipendentemente dall’ambiente in cui ti trovi otterrai una precisa riduzione del rumore che ottimizza il suono in tempo reale per catturare la distorsione e annullare il rumore di fondo.

Classificazione IPX5 – Impermeabile e antipolvere

Hai bisogno di fare una corsa o un allenamento? Nessun problema. Gli auricolari T18NC sono dotati di certificazione IPX5 che li protegge dagli agenti atmosferici. Ciò significa che possono sostenere qualsiasi tipo di getto d’acqua a bassa pressione, bloccando il sudore o altre gocce d’acqua indesiderate. Se devi effettuare una chiamata mentre sei attivo, la tecnologia di riduzione del rumore a doppio microfono aiuta a rimuovere automaticamente il rumore di fondo esterno in modo da poter sentire chiaramente.

Molte proposte differenti nella gamma audio di Key Series

Gli auricolari T18NC fanno parte di una serie di auricolari e cuffie recentemente presentate da Key Series per aumentare l’offerta della propria linea audio. Al CES 2020 abbiamo rilasciato 1 TWS-T18NC, 2 cuffie sportive (B60P e B80P), 1 auricolare con archetto da collo – il modello N33, 2 cuffie over-ear (N60 e B90) e il ricevitore Bluetooth hi-fi C90. L’anno scorso abbiamo immesso sul mercato 1 TWS-T10 (prodotto che ha ricevuto un iF Design Award), l’auricolare con archetto da collo B33 mentre nel 2018 abbiamo rilasciato 2 auricolari sportivi – i modelli B60 e B80.

Disponibilità e prezzi

Gli auricolari T18NC sono ora disponibili al prezzo di 129€ sul sito ufficiale di Key Series.

L'articolo Disponibili le Key Series T18NC con eliminazione del rumore attivo sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/disponibili-le-key-series-t18nc-con-eliminazione-del-rumore-attivo/feed/ 0
Certificazione NATO per Kingston la serie crittografata IronKey D300 https://www.hwmind.it/blog/certificazione-nato-per-kingston-la-serie-crittografata-ironkey-d300/ https://www.hwmind.it/blog/certificazione-nato-per-kingston-la-serie-crittografata-ironkey-d300/#respond Tue, 18 Feb 2020 16:38:46 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15392 Kingston Digital Europe CO LLP, società affiliata di memorie Flash di Kingston Technology Company, Inc., leader mondiale nella produzione di memorie e nell’offerta di soluzioni tecnologiche, ha annunciato che la serie di Flash drive USB crittografate IronkeyTM D300 ha ottenuto la Certificazione di Livello Restricted NATO. Ciò indica che, dopo un attento processo di validazione, …

L'articolo Certificazione NATO per Kingston la serie crittografata IronKey D300 sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
Kingston Digital Europe CO LLP, società affiliata di memorie Flash di Kingston Technology Company, Inc., leader mondiale nella produzione di memorie e nell’offerta di soluzioni tecnologiche, ha annunciato che la serie di Flash drive USB crittografate IronkeyTM D300 ha ottenuto la Certificazione di Livello Restricted NATO. Ciò indica che, dopo un attento processo di validazione, IronKey D300, IronKey D300S e IronKey D300SM di Kingston sono stati inseriti nel NATO Information Assurance Product Catalogue (NIAPC) per i prodotti di sicurezza che rispondono ai requisiti operativi degli enti nazionali, civili e militari della NATO.

Il NIAPC è istituito secondo una direttiva INFOSEC e garantisce che solo i prodotti crittografati sviluppati in una nazione membro della NATO vengano valutati e approvati per l’uso in conformità con le politiche di sicurezza NATO. La serie IronKey D300 è ora inclusa in questo elenco, il che significa risultare qualificato come drive Flash crittografato che soddisfa i livelli di protezione dati stabiliti dalla NATO per proteggere le informazioni contro perdite o attacchi informatici. Il transito di dati sensibili necessita di essere protetto in quanto qualsiasi perdita o falla può causare danni alle forze della NATO, ai suoi membri o alle sue missioni.

“Siamo lieti che le unità drive della serie IronKey D300 siano ora certificate, aggiungendosi così ad altri nostri drive USB crittografati già certificati in passato, come D100 e D200. Ciò garantisce agli utenti che IronKey è un brand riconosciuto e affidabile in tutta la NATO e nelle agenzie governative che ne fanno parte, proteggendo i dati ad un livello avanzato”, ha affermato Oscar Escayola, BM Flash Manger EMEA. “Kingston si impegna a creare USB crittografate che proteggono i dati a livello militare e governativo, cosicché gli utenti con forti requisiti di sicurezza possano essere certi che le nostre unità incontrino le loro esigenze quando i dati sensibili sono in transito”.

Il drive USB IronKey D300 dispone di certificazione FIPS 140-2 di Livello 3, ciò significa che risponde ai principali requisiti governativi come la sicurezza di un sigillo antimanomissione, la gestione delle chiavi crittografiche e le capacità di autenticazione avanzate. FIPS 140-2 è un insieme di requisiti e standard per moduli crittografati per la manutenzione dell’integrità dei dati protetti dal drive. La certificazione di Livello 3 richiede grande sicurezza contro la manomissione fisica per impedire a utenti malintenzionati di accedere al modulo crittografico. La serie USB IronKey è dotata di involucro in zinco e i dati contenuti sono protetti dalla crittografia di grado militare AES a 256-bit in modalità XTS, con un modulo interno crittografico e un sigillo in materiale epossidico per il massimo livello di protezione contro le manomissioni.

Il drive utilizza un firmware con firma digitale che lo rende immune agli attacchi BadUSB e utilizza un sistema di protezione basato su una password complessa per prevenire i tentativi di accesso non autorizzati. La versiona serializzata di IronKey D300 include un numero di serie e un barcode univoci che possono essere scannerizzati e usati dagli amministratori della sicurezza per una facile tracciabilità e processi di implementazione che coinvolgono tutta l’azienda. Non solo, IronKey D300 offre una tastiera virtuale dove è possibile inserire una password con un solo clic del mouse al fine di ostacolare keyloggers e screenloggers.

Disponibile in capacità da 4GB a 128GB, la serie IronKey D300 è un’unità drive economica e facile da utilizzare e, al contempo, uno strumento potente per tutti i Paesi membri della NATO.
Per maggiori informazioni visita kingston.com.

L'articolo Certificazione NATO per Kingston la serie crittografata IronKey D300 sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/certificazione-nato-per-kingston-la-serie-crittografata-ironkey-d300/feed/ 0
D-Link lancia le nuove videocamere mydlink basate sull’intelligenza artificiale https://www.hwmind.it/blog/d-link-lancia-le-nuove-videocamere-mydlink-basate-sullintelligenza-artificiale/ https://www.hwmind.it/blog/d-link-lancia-le-nuove-videocamere-mydlink-basate-sullintelligenza-artificiale/#respond Fri, 14 Feb 2020 16:38:53 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15387 D-Link, leader mondiale nelle soluzioni di sicurezza e sorveglianza domestica, presenta due nuove telecamere mydlink™ con un’ampia gamma di funzioni di rilevamento intelligente, progettate appositamente per garantire una sorveglianza di alta qualità in diversi ambienti interni. Progettate per le case o i piccoli uffici, la videocamera Smart Full HD Wi‑Fi (DCS-8325LH) mydlink e la videocamera …

L'articolo D-Link lancia le nuove videocamere mydlink basate sull’intelligenza artificiale sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
D-Link, leader mondiale nelle soluzioni di sicurezza e sorveglianza domestica, presenta due nuove telecamere mydlink™ con un’ampia gamma di funzioni di rilevamento intelligente, progettate appositamente per garantire una sorveglianza di alta qualità in diversi ambienti interni. Progettate per le case o i piccoli uffici, la videocamera Smart Full HD Wi‑Fi (DCS-8325LH) mydlink e la videocamera Mini Full HD Wi-Fi (DCS-8000LHV2) sono facili da installare e accessibili da remoto, ovunque e in qualsiasi momento.

La videocamera Smart Full HD Wi‑Fi è dotata di un sistema di rilevamento intelligente del movimento basato intelligenza artificiale. Offre agli utenti diverse opzioni su ciò che viene inquadrato dalla videocamera e su quali notifiche ricevere. Gli utenti possono specificare quali tipi di movimento vogliono venga rilevati, come ad esempio, quelli di un intruso rispetto a quelli del cane o un oggetto che oltrepassa un confine definito o entra in un’area specifica. È anche possibile definire più zone, e ricevere immediatamente una notifica quando viene rilevato un movimento in aree specifiche.

La DCS-8325LH è dotata di funzionalità quali la visione notturna integrata, una risoluzione di 1080p, uno slot per schede microSD per il salvataggio locale della registrazione, funzionalità audio a due vie e il protocollo di sicurezza Wi-Fi WPA3. Il suo obiettivo grandangolare da 151 gradi consente agli utenti di tenere sotto controllo un’area più ampia della stanza con una singola videocamera.

D-Link ha inoltre annunciato la nuova videocamera Mini Full HD Wi-Fi (DCS-8000LHV2), un aggiornamento della sua videocamera più venduta, la DCS-8000LH. Altrettanto compatta nel design, è stata aggiornata con risoluzione Full HD 1080p, sicurezza Wi-Fi WPA3 e rilevamento del movimento basato intelligenza artificiale. La videocamera è in grado di distinguere i movimenti effettuati da una persona rispetto ad altri oggetti, riducendo significativamente i falsi allarmi.

Entrambe le fotocamere sono facili da configurare e controllare tramite l’app mydlink per smartphone e tablet. Gli utenti possono usufruire del mydlink Cloud Recording gratuito, che archivia i video registrati per 24 ore nel loro archivio cloud personale. In alternativa, è disponibile anche una gamma di opzioni a pagamento che offrono la conservazione della registrazione fino a 30 giorni.

L’app mydlink supporta anche le Rich Notifications, una funzione che invia al dispositivo mobile una notifica push con un’istantanea nel momento in cui viene rilevata l’attività. Gli utenti possono dunque reagire immediatamente, senza la necessità di accedere all’app, accedendo alla visualizzazione live della videocamera o chiamando con un solo click uno dei due contatti pre-assegnati.

Progettate pensando alla moderna smart home, possono lavorare in collaborazione con un’ampia gamma di dispositivi mydlink, quali smart plug e sensori. Sono inoltre pienamente compatibili con Amazon Alexa e Google Assistant, offrendo l’ulteriore comodità del controllo vocale. Entrambe le telecamere sono anche conformi al profilo S. ONVIF, offrendo agli utenti ulteriore flessibilità durante l’integrazione con i videoregistratori di rete compatibili (NVR) e i sistemi di gestione video (VMS).

Per maggiori informazioni http://www.dlink.com

L'articolo D-Link lancia le nuove videocamere mydlink basate sull’intelligenza artificiale sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/d-link-lancia-le-nuove-videocamere-mydlink-basate-sullintelligenza-artificiale/feed/ 0
Xiaomi conferma la partecipazione al MWC 2020 https://www.hwmind.it/blog/xiaomi-conferma-la-partecipazione-al-mwc-2020/ https://www.hwmind.it/blog/xiaomi-conferma-la-partecipazione-al-mwc-2020/#respond Mon, 10 Feb 2020 16:42:46 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15384 Data l’attuale situazione creatasi a causa del coronavirus, Xiaomi desidera informare i fan, i media, i partner e gli utenti che la salute e la sicurezza di tutti sono una priorità assoluta per l’azienda. Xiaomi, conferma la propria partecipazione, come previsto, al MWC Barcellona 2020 durante il quale saranno annunciati nuovi smartphone e nuovi prodotti …

L'articolo Xiaomi conferma la partecipazione al MWC 2020 sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
Data l’attuale situazione creatasi a causa del coronavirus, Xiaomi desidera informare i fan, i media, i partner e gli utenti che la salute e la sicurezza di tutti sono una priorità assoluta per l’azienda.

Xiaomi, conferma la propria partecipazione, come previsto, al MWC Barcellona 2020 durante il quale saranno annunciati nuovi smartphone e nuovi prodotti smart hardware.

Xiaomi si impegna a contenere l’attuale epidemia seguendo tutte le efficaci misure di prevenzione raccomandate per salvaguardare la salute e il benessere dei propri dipendenti, fan, media, partner e utenti che parteciperanno al MWC.

Per questo motivo, l’azienda ha messo in atto ulteriori provvedimenti e istruzioni da adottare durante la conferenza stampa che si terrà domenica 23 febbraio così come presso lo stand situato al Padiglione 3, 3D10, presso Fira de Barcelona Gran Vía, dal 24 al 27 febbraio.

  • Xiaomi si assicurerà che tutti i dipendenti in viaggio dalla Cina non mostrino alcun sintomo e che, prima del loro arrivo a Barcellona, abbiano trascorso almeno un periodo di 14 giorni fuori dalla Cina.
  • Xiaomi si assicurerà che tutti i Manager dell’azienda che parteciperanno alle attività e ai meeting previsti durante il MWC abbiano trascorso un periodo di 14 giorni fuori dalla Cina.
  • Xiaomi seguirà le linee guida di GSMA, inclusa la politica “no-handshake”. Inoltre, saranno intensificate le misure igienico-sanitarie e saranno distribuite forniture protettive ai visitatori, nel tentativo di salvaguardare la salute di tutti.
  • Xiaomi si assicurerà che tutto il personale presente presso lo stand provenga dai propri uffici dislocati in Europa. Anche per loro, l’azienda si accerterà che non mostrino sintomi nei 14 giorni prima del supporto sul campo al MWC.

 

Per ulteriori informazioni su Xiaomi, visitare http://blog.mi.com/en/.

L'articolo Xiaomi conferma la partecipazione al MWC 2020 sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/xiaomi-conferma-la-partecipazione-al-mwc-2020/feed/ 0
Xiaomi Mi 10 sarà il primo smartphone al mondo con RAM LPDDR5 https://www.hwmind.it/blog/xiaomi-mi-10-sara-il-primo-smartphone-al-mondo-con-ram-lpddr5/ https://www.hwmind.it/blog/xiaomi-mi-10-sara-il-primo-smartphone-al-mondo-con-ram-lpddr5/#respond Thu, 06 Feb 2020 16:01:19 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15376 Xiaomi, leader mondiale nella tecnologia, annuncia che Mi 10, il prossimo flagship dell’azienda che verrà presentato nei prossimi giorni, sarà il primo smartphone al mondo a essere dotato di memorie DRAM di tipo LPDDR5. Micron, azienda specializzata nella produzione di memorie a stato solido e partner tecnologico di Xiaomi, ha infatti avviato la produzione di …

L'articolo Xiaomi Mi 10 sarà il primo smartphone al mondo con RAM LPDDR5 sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
Xiaomi, leader mondiale nella tecnologia, annuncia che Mi 10, il prossimo flagship dell’azienda che verrà presentato nei prossimi giorni, sarà il primo smartphone al mondo a essere dotato di memorie DRAM di tipo LPDDR5. Micron, azienda specializzata nella produzione di memorie a stato solido e partner tecnologico di Xiaomi, ha infatti avviato la produzione di massa del primo chip a basso consumo di tipo DDR5.

La DRAM LPDDR5 di Micron risponde alla crescente domanda di prestazioni di memoria più elevate e di minori consumi energetici in diversi mercati, tra cui quello automobilistico, dei PC e dei sistemi di rete costruiti per le applicazioni 5G e AI. La DRAM LPDDR5 può fornire fino al 20% di riduzione del consumo energetico rispetto a quella di tipo LPDDR4. Inoltre, la maggior velocità dello standard LPDDR5 influirà anche sui consumi della CPU che, grazie all’aumento di velocità delle operazioni, consumerà meno rispetto a prima.

L’aumento di prestazioni permesso dallo standard LPDDR5 dovrebbe permettere una implementazione migliore della realtà aumentata e, in combinazione alle nuove reti 5G, anche un’implementazione sempre più spinta dell’intelligenza artificiale. L’emergere dell’IA in un maggior numero di applicazioni sta, infatti, spingendo la necessità di soluzioni di memoria avanzate che consentano un accesso più rapido ed efficiente ai dati.

Questa DRAM di nuova generazione è progettata per soddisfare le esigenze delle reti 5G, che inizieranno a essere implementate su scala mondiale nel 2020. Micron LPDDR5 consente agli smartphone 5G di elaborare i dati a velocità di fino a 6,4Gbps, che è fondamentale per prevenire congestioni dei dati 5G. Questa capacità risponde ad altri requisiti tecnologici emergenti, come quelli dei veicoli a guida autonoma, che richiedono un sottosistema di memoria con una larghezza di banda maggiore per supportare il calcolo e l’elaborazione dei dati in tempo reale.

Apprezziamo le capacità di leadership e innovazione di Micron nel campo delle memorie”, ha dichiarato Chang Cheng, Vice President di Xiaomi Group. “Le DRAM LPDDR5 di Micron offrono prestazioni da leader di mercato e consentiranno al nostro smartphone Xiaomi Mi 10 di rimanere efficiente dal punto di vista energetico, pur offrendo prestazioni incredibili e una maggiore stabilità. Crediamo che LPDDR5 sarà la configurazione standard per tutti i flagship nel 2020.”

Per ulteriori informazioni sul portafoglio di DRAM a bassa potenza di Micron, incluso LPDDR5, visitate il sito www.micron.com/products/dram/lpdram.

Per ulteriori informazioni su Xiaomi, visitare http://blog.mi.com/en/.

L'articolo Xiaomi Mi 10 sarà il primo smartphone al mondo con RAM LPDDR5 sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/xiaomi-mi-10-sara-il-primo-smartphone-al-mondo-con-ram-lpddr5/feed/ 0
Check Point mostra il suo ultimo report annuale https://www.hwmind.it/blog/check-point-mostra-il-suo-ultimo-report-annuale/ https://www.hwmind.it/blog/check-point-mostra-il-suo-ultimo-report-annuale/#respond Mon, 27 Jan 2020 17:08:25 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15339 Check Point Research, la divisione Threat Intelligence di Check Point® Software Technologies Ltd. (NASDAQ: CHKP), il principale fornitore di soluzioni di cybersecurity a livello globale, ha reso noto il suo report annuale sulla sicurezza informatica. Il Cyber Security Report 2020 evidenzia le principali tattiche che i cyber-criminali utilizzano per attaccare le imprese di tutti i settori industriali …

L'articolo Check Point mostra il suo ultimo report annuale sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
Check Point Research, la divisione Threat Intelligence di Check Point® Software Technologies Ltd. (NASDAQ: CHKP), il principale fornitore di soluzioni di cybersecurity a livello globale, ha reso noto il suo report annuale sulla sicurezza informatica.

Il Cyber Security Report 2020 evidenzia le principali tattiche che i cyber-criminali utilizzano per attaccare le imprese di tutti i settori industriali mondiali, e fornisce ai professionisti e ai dirigenti le informazioni di cui hanno bisogno per proteggere le loro organizzazioni dagli odierni attacchi informatici di quinta generazione.

 Il report 2020 rivela i principali vettori d’attacco e le tecniche che i ricercatori di Check Point hanno osservato nell’ultimo anno. I punti salienti includono:

  • I cryptominer dominano ancora il panorama del malware – Anche se il cryptomining ha subito un declino nel corso del 2019, legato al generale calo di valore delle cryptovalute e anche alla chiusura di Coinhive di marzo, sono aumentate le aziende a livello globale che sono state colpite da attacchi legati al cryptomining (38% del 2019 rispetto al 37% del 2018). Ciò è dovuto al fatto che l’uso di cryptominer rimane un’attività a basso rischio e ad alto rendimento per i criminali.
  •  Le botnet aumentano di dimensioni – Il 28% delle organizzazioni nel mondo è stato colpito da botnet, con un incremento di oltre il 50% rispetto al 2018. Emotet è stato il malware bot più utilizzato, soprattutto per la sua versatilità nell’abilitare i servizi di distribuzione di malware e spam. Altre botnet, come l’attività di sextortion via e-mail e gli attacchi DDoS, hanno registrato un forte aumento nel 2019.
  •  Il ransomware mirato colpisce duro – Il numero di organizzazioni colpite è relativamente basso, ma la gravità dell’attacco è molto più elevata. I criminali scelgono attentamente i loro obiettivi per il ransomware mirato, con il fine di estorcere il massimo delle entrate possibili.
  • Gli attacchi mobile diminuiscono – Il 27% delle organizzazioni mondiali è stato colpito da attacchi informatici che hanno coinvolto dispositivi mobile nel 2019, mentre nel 2018 era il 33%. Il panorama delle minacce mobile sta maturando, ma le imprese sono sempre più consapevoli della minaccia e stanno implementando una maggiore protezione sui cellulari.
  • Gli attacchi Magecart sono diventati un’epidemia – Questi attacchi, che iniettano codice dannoso nei siti e-commerce per rubare i dati di pagamento, hanno colpito centinaia di siti nel 2019, dalle catene alberghiere ai giganti del commercio alle PMI, su ogni piattaforma.
  • Gli attacchi in-cloud aumentano – Attualmente oltre il 90% delle aziende utilizza servizi in-cloud, eppure il 67% dei team di sicurezza si lamenta della mancanza di visibilità della propria infrastruttura cloud, della sicurezza e della conformità. La portata degli attacchi e delle violazioni del cloud ha continuato a crescere nel 2019. L’errata configurazione delle risorse in-cloud è ancora la causa principale degli attacchi, ma ora assistiamo anche a una crescita di attacchi rivolti direttamente ai fornitori di servizi in-cloud.

 

“Il 2019 ci ha mostrato un panorama delle minacce complesso in cui gli stati nazionali, le organizzazioni di cybercrime e gli appaltatori privati hanno accelerato la corsa agli armamenti informatici, elevando le capacità reciproche a un ritmo allarmante, e questo rimarrà nel 2020”, ha detto Lotem Finkelsteen, Major Intelligence Officer di Check Point Software Technologies. “Anche se un’organizzazione è dotata di prodotti di sicurezza completi e all’avanguardia, il rischio di essere violati non può essere completamente eliminato. Al di là del rilevamento e del risanamento, le organizzazioni devono adottare un piano proattivo per stare al passo con la criminalità informatica. Il rilevamento e il blocco automatico dell’attacco in una fase iniziale possono prevenire i danni. Il report di Check Point condivide ciò a cui le organizzazioni devono prestare attenzione e come possono sovrastare la criminalità informatica.”

Il Cyber Security Report 2020 si basa sui dati di ThreatCloud di Check Point, la più grande rete collaborativa per la lotta alla criminalità informatica che fornisce informazioni su: minacce e tendenze di attacco grazie a una rete globale di sensori per le minacce, indagini di Check Point degli ultimi 12 mesi e una survey per professionisti IT e dirigenti C-level che valuta la loro preparazione alle minacce odierne. Il report 2020 analizza le ultime minacce emergenti contro vari settori industriali e restituisce una panoramica completa dei trend osservati nei vettori emergenti di violazione dei dati e nei cyber-attacchi degli stati nazionali. Include anche l’esperta analisi di Check Point, per aiutare le organizzazioni a comprendere e a prepararsi per il complesso panorama delle minacce di oggi e di domani.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il report completo o il blog.

L'articolo Check Point mostra il suo ultimo report annuale sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/check-point-mostra-il-suo-ultimo-report-annuale/feed/ 0
Come condividere lo schermo di un PC su TV Box con Windows https://www.hwmind.it/blog/come-condividere-lo-schermo-di-un-pc-su-tv-box-con-windows/ https://www.hwmind.it/blog/come-condividere-lo-schermo-di-un-pc-su-tv-box-con-windows/#respond Fri, 24 Jan 2020 01:02:00 +0000 https://www.hwmind.it/blog/?p=15319 Carissimi amici tempo fa abbiamo pubblicato una guida dove spiegavamo come condividere lo schermo di un pc su una smart tv senza dover impiegare i soliti cavi video come l’HDMI avvalendoci della tecnologia Wifi. Abbiamo ricevuto parecchi messaggi dove ci chiedevate come fare in caso di TV Box come ad esempio il diffusissimo Tim Vision; …

L'articolo Come condividere lo schermo di un PC su TV Box con Windows sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
Carissimi amici tempo fa abbiamo pubblicato una guida dove spiegavamo come condividere lo schermo di un pc su una smart tv senza dover impiegare i soliti cavi video come l’HDMI avvalendoci della tecnologia Wifi.

Abbiamo ricevuto parecchi messaggi dove ci chiedevate come fare in caso di TV Box come ad esempio il diffusissimo Tim Vision; in questa guida vi mostrerò come ottenere lo stesso risultato in pochissimi passaggi grazie alla tecnologia Google Cast implementata su Google Chrome.

Occorrente:

Procedimento:

Dopo aver installato Google Chrome dovete semplicemente avviarlo ed una volta arrivati alla pagina iniziale recatevi con il mouse nei 3 puntini situati nella parte alta nel lato destro dello schermo finché si aprirà un menu e cliccate su “Trasmetti”.

Dopo aver cliccato su trasmetti si aprirà una seconda schermata che vi mostrerà i dispositivi disponibili per la trasmissione ed il tipo di duplicazione che possiamo selezionare tra trasmetti scheda e trasmetti desktop;il primo si occuperà di duplicare solo il player di youtube mentre il secondo trasmetterà tutto il desktop a patto che non chiudiate Google Chrome.

Adesso cliccate su trasmetti desktop, infine si aprirà una nuova finestra, selezionate dunque l’animazione di anteprima e poi premete il pulsante “Condividi”.

Dopo aver cliccato su Condividi il vostro pc trasmetterà le immagini nella vostra tv senza alcun tipo di cavo, ovviamente, anche in questo caso, vi sarà un certo ritardo tra quello presente nel pc e quello trasmesso nella tv.

Spero di esservi stato utile per qualsiasi domanda o dubbio non esitate e scriverci sotto nei commenti!!!

Video Guida Trasmissione da PC a Smart TV:

L'articolo Come condividere lo schermo di un PC su TV Box con Windows sembra essere il primo su Hardware Mind il Blog.

]]>
https://www.hwmind.it/blog/come-condividere-lo-schermo-di-un-pc-su-tv-box-con-windows/feed/ 0